Gen
13

di Monica Palmieri Monica_Palmieri_Zebrart
Silvia Andreozzi Silvia_Andreozzi_zebrart

Come si insegna arte nelle scuole italiane? Quali sono le risorse a disposizione degli insegnanti? E quali sono i servizi che i musei mettono a disposizione, anche e soprattutto online, per una migliore fruizione del patrimonio?

Zebrart.it - Con DidaSfera per la diffusione della cultura artistica nelle scuolePer lavoro e per passione ci siamo trovate spesso a cercare delle risposte e a capire quali siano oggi i materiali didattici, gli approfondimenti, le occasioni formative rivolte in particolare a insegnanti e operatori didattici che hanno il compito di educare all’arte le nuove generazioni.

Le programmazioni ministeriali di arte e immagine dalla primaria alla secondaria di primo grado, così come quelle relative alle scuole secondarie di secondo grado (quelle dove è ancora attivo l’insegnamento della storia dell’arte!) sono davvero molto stringenti, spesso non in linea con il resto delle materie studiate dai ragazzi, con obiettivi e competenze da raggiungere in pochissimo tempo a disposizione.

L’obiettivo generale che traspare da una breve analisi di tutte le programmazioni della scuola italiana è educare i ragazzi al riconoscimento dell’immagine codificata. C’è dunque pochissimo spazio per le sperimentazioni di tecniche e materiali dell’astrattismo, dell’informale e dell’arte contemporanea in generale.

Per quanto riguarda poi i soggetti dell’iconografia dell’arte classica, medievale o moderna, quello a cui si punta è saper “raccontare le immagini”. Quasi mai si entra nel vivo della vicenda narrata, del contesto storico, delle competenze tecniche dell’artista che ha realizzato l’opera.
Ed ecco allora che possiamo guardare oltreoceano e usufruire di materiali didattici davvero di qualità e trarre ispirazione per progettare lezioni di arte, per andare oltre il soggetto: vi presentiamo lo Smithsonian e i suoi materiali didattici.

 

Materiali didattici dai quali attingere: il caso dello Smithsonian Institution

Lo Smithsonian Institution è un istituto di istruzione e ricerca annesso a un importante museo amministrato e finanziato dal governo USA.  La sede principale si trova a Washington e gestisce 19 musei in diversi Stati americani. La collezione annovera più di 140 milioni di pezzi ed è considerato il maggiore complesso di musei del mondo.

Sul sito dello Smithsonian Institution è possibile avere un primo esempio di quanto precedentemente affermato. L’home page è divisa in macroaree a seconda del target così da soddisfare le esigenze di educatori e insegnanti*, studenti e famiglie.

La sezione dedicata agli Educators propone quattro strumenti: Lessons plan, Find Resources, States Standards of Learning e Whats new.

La prima sezione è rivolta agli insegnanti e in essa troviamo argomenti di approfondimento divisi per classe, corredati da un file PDF gratuito.

Gli argomenti disponibili vertono su numerose discipline ma in questa sede prenderemo in analisi soltanto la sezione dal titolo Art & Design.

Prendiamo in analisi Beyond the Frame, il primo argomento disponibile dell’elenco. L’introduzione ci spiega che le lezioni incoraggiano gli studenti ad approfondire i significati di opere d’arte, la storia degli artisti e dei loro soggetti.

Nella Sezione 1 gli studenti guardano da vicino i dettagli di un dipinto per poi cercare le idee e finalità dietro il lavoro. L’opera presa in analisi è di Helen Lundeberg.

Nella Sezione 2 gli studenti esplorano il concetto di “stile artistico”, esaminando stile realistico di Edward Hopper
Roy Lichtenstein - Scuole e DidaSfera Bloge quello astratto di Roy Lichtenstein. In un secondo momento saranno incoraggiati ad andare “oltre la cornice”, prevedendo come i dipinti dei due artisti potrebbero continuare oltre i loro confini.

Nella Sezione 3 gli studenti esaminano le raffigurazioni di Rosa Parks e Frances Perkins mentre studiano momenti significativi della storia degli Stati Uniti. Le opere prese in considerazione sono quelle di Marshall D. Rumbaugh e William Henry Cotton.

Nella Sezione 4 gli studenti esaminano le opere provenienti da culture occidentali, asiatiche e africane. Partendo dall’analisi delle opere, sono portati a prendere in considerazione le ragioni per le quali sono state realizzate e si chiederanno quali informazioni possono fornirci sulle culture d’origine. Le opere prese in esame sono quelle di Marsden Hartley, alcuni bronzi cinesi e alcune dei Bamum del Cameron.

Clicchiamo sul link a fine pagina e scarichiamo il PDF relativo all’attività: si tratta di un file corposo, di oltre 90 slides il cui scopo, si legge in una delle prime pagine, è far comprendere come lo studio della storia dell’arte sia basato su due aspetti:

  1. l’analisi stilistico formale delle opere;
  2. lo studio delle opere in quanto prodotti culturali di una determinata area geografica e contesto storico.

Passiamo adesso all’analisi della prima parte di questo PDF rivolto agli insegnanti. Nella prima sezione gli studenti vengono invitati a guardare attentamente i dettagli del dipinto all’interno della cornice – l’analisi delle immagini e delle loro caratteristiche formali, infatti, è anche in Italia una costante della programmazione ministeriale – e poi a utilizzare le informazioni ricavate per scoprire  “the main idea and purpose behind the work.

Di seguito troveremo spiegati dettagliatamente gli Obiettivi e una lista di materiali occorrenti.

A seguire troviamo la riproduzione dell’opera sulla quale si focalizza l’unità, Double Portrait of the artist in Time di Helen Hundeberg, con alcune informazioni sull’artista da comunicare agli studenti (Backgrounds). Il materiale didattico contiene anche una parte di Procedures nella quale viene spiegato passo passo come portare avanti lattività, su quali tematiche indirizzare la riflessione dei ragazzi e, infine, viene suggerita un’attività da svolgere in classe.

Come abbiamo avuto modo di notare, i materiali forniti dallo Smithsonian Education sono non soltanto numerosi e ben confezionati, ma anche gratuiti e facilmente accessibili agli insegnanti italiani i quali possono utilizzare un prodotto di alta qualità per comunicare efficacemente la storia dell’arte e dei suoi protagonisti con focus specifici, all’occorrenza, su tematiche multidisciplinari.

 

* Per inciso, ricordiamo che il sistema scolastico statunitense è un po’ diverso da quello italiano perché dopo il ciclo di 5 anni delle scuole elementari che va dal 1st grade (6-7 anni di età) al 5th grade (10-11 anni di età), si prosegue nella numerazione progressiva degli anni scolastici con la Middle school (6th grade allievi di 11-12 anni; 7th grade 12-13 anni e 8th grade 13-14 anni) per poi arrivare all’High School della durata di 4 anni (dal 9th grade con alunni di 15-16 anni fino al 12th grade con ragazzi di 17-18 anni).

leggi su DidaSferaEsperienze Didattiche – Galleria XYZ: uno strumento per gli insegnanti per promuovere l’educazione artistica

Posted in Attività, Beni culturali, Didattica, tecnologie nella didattica | Tagged , , , , | Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *