Apr
15

L’Associazione italiana editori (AIE), e tutta la filiera del libro, schiuma alla bocca, riafferma sua totale contrarietà al decreto ministeriale dedicato alle scelte dei libri scolastici: i toni sono apocalittici e le colorazioni xenofobe, da ventennio fascista.
Secondo AIE/ALI, infatti, il decreto solleciterebbe le scuole e le famiglie ad acquistare “prodotti di aziende straniere, non europee, a danno di imprese italiane, mettendo così in difficoltà le aziende e gli occupati dell’intera filiera del libro e della carta”, senza considerare che “l’impatto sempre più pervasivo degli strumenti elettronici sui ragazzi ” potrebbe essere nocivo per la loro salute!
Mi vergogno profondamente di far parte di questa razza di farisei xenofobi che ha fatto pagare alle famiglie italiane ogni anno milioni di euro imposti in nome di quella stessa “autonomia didattica” che oggi viene invocata in difesa dei propri lesi interessi di categoria!
Chiedo pubblicamente scusa ai nostri figli di averli ridotti a fanalini di coda della cultura mondiale dell’innovazione anche a causa di questa arcaica concezione didattica asservita ai soli interessi corporativi. Mi dissocio da questa per fortuna esigua categoria editoriale, erede fino in fondo di quella cultura fascista che l’ha asservita alla trasmissione dei valori dell’ideologia dominante, ”canalizzata” in maniera coatta nel mondo della scuola.
Mario Guaraldi

Posted in Cronaca, Editoria Digitale, Varie | Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *