Feb
22

Èulogos CENSOR è un servizio che analizza la leggibilità del testo secondo l’indice GULPEASE, prima formula di leggibilità tarata direttamente sulla lingua italiana.

Un esempio di scrittura ad alta leggibilità è il mensile due parole , i cui redattori scrivono articoli usando il Vocabolario di Base e spiegando le parole che non vi appartengono.

Inoltre, la redazione applica anche altri criteri di leggibilità, attinenti alla grafica (caratteri grandi, illustrazioni che non spezzano il testo, ecc.) e al modo di disporre i contenuti (riquadri di spiegazione, testo a nuova riga per ogni frase, ecc.).

Partendo dal presupposto che la carta stampata e lo schermo chiamano in causa criteri di leggibilità diversi, ho provato a distribuire diversamente il testo della pagina di presentazione di dueparole.

Qui c’è la pagina web e qui c’è lo stesso contenuto “distribuito” reticolarmente invece che linearmente.

Ho aggiunto solo qualche immagine perché – in questo frangente – mi interessava lavorare essenzialmente sul testo.

A voi il confronto. 🙂

Note: questo post è un corollario alla presentazione del seminario di Padova, che potete trovare online qui.

Posted in Accessibilità, Bisogni speciali, menti divergenti | Tagged | Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *