Feb
19

A distanza di pochi giorni dal seminario LUMINAR 9 – Internauti, pirati e copyleft nell’era .torrent – promosso da Università IUAV di Venezia, dalla Sapienza di Roma e dal VEGA – Parco Scientifico Tecnologico di Venezia – ecco al nastro di partenza  CULTURA SENZA BARRIERE [http://www.culturasenzabarriere.org] convegno promosso dall’Università di Padova e dedicato a Biblioteche Digitali, Editoria Digitale, E-learning, Accessibilità, Multimedia, Web Semantico, Architettura dell’Informazione, Mondi Virtuali, Politica Online, Open Source, Tecnologie Vocali… e chi più ne ha più ne metta!

Contributi al dibattito per Luminar 9 e Cultura senza Barriere
Venerdì 19 febbraio, ore 15.00

Per il mondo dell’editoria, la rivoluzione digitale inizia quando si capisce che un libro è il suo contenuto, non la sua forma. Per molti colleghi questa rivoluzione non è mai avvenuta, o per meglio dire non è ancora avvenuta.
Gli amanuensi, i calligrafi e i miniatori hanno continuato a fare egregiamente il loro mestiere ancora per oltre mezzo secolo dopo Gutenberg. Il Duca di Urbino si vantava di non avere un solo libro a stampa nella sua biblioteca, ma non poté fare a meno di utilizzare, per le sedute esterne del suo splendido Palazzo, le immagini delle macchine belliche disegnate da Matteo de’Pasti per l’incunabolo dell’opera di Roberto Valturio stampato a Verona nel 1472: più semplici che non le fantasiose versioni miniate nei 22 codici realizzati dallo scriptorium riminese del grande umanista.
Una mia laureanda ha fatto una tesi sull’evidenza, emersa a lezione, che ogni “salto tecnologico” comporta in prima istanza un calo della qualità estetica del manufatto . Ancora oggi appare difficile dire che una buona stampa offset possa essere migliore della foto originale. Troppi “passaggi” rendono arduo il compito. Ma paradossalmente, l’estetica, nell’era della sua riproducibilità tecnologica, doveva attendere l’avvento del digitale per poter accettare la sfida: oggi una stampante Indigo può calibrare l’immagine da stampare direttamente e al vivo nel confronto con l’originale; e la zoomabilità dell’immagine digitale fino a molte centinaia di volte consente “letture” dell’originale impensabili per l’autore stesso. Queste “visioni” , queste zoomate della fantasia , sono tipiche dei “profeti”. Essi vedono oltre l’attualità tecnologica del momento. Il profeta è l’ecografista del futuro. Egli vive ai margini del mercato, lo conosce ma non lo ama. Non lavora per le Ausl. È una sentinella. Preferisce le alture da cui scrutare l’orizzonte. Sentinella, dimmi, che turno è della notte dell’editoria? Dal ramo del fico quando intenerisce e mette le gemme sa che l’estate digitale è vicina.
C’è una specie di legge che regola le evoluzioni, una specie di maturità dei tempi. La rivoluzione è solo il piccolo momento di rottura conclusivo di una lunga gestazione della novità . Come la rottura delle acque nel travaglio del parto. Ma non è quello il clou dell’evento. Deve prima apparire il volto del neonato perché l’avventura abbia inizio davvero , prima che si possa parlare di una nuova vita che si sviluppa e avanza sulla inesorabile decadenza di chi l’ha generata.
L’e-book – il libro digitale che ha bisogno di un nome straniero per definirsi – è il neonato di cui stiamo parlando; ha ancora gli occhi chiusi ma un prepotente bisogno di nutrirsi. I fratelli cartacei più grandi cercano subito di soffocarlo, come Freud insegna, ma il fantasma fratricida si stempererà presto in una specie di presa di controllo contrabbandato da istinto di protezione. I vari e-Reader, i Kindle, gli i-Rex, i Sony, i Samsung sono i primi giocattoli che genitori apprensivi gli rovesciano addosso per stimolarne lo sviluppo. I genitori abitano in Internet , la città planetaria, si chiamano Google e Amazon , bibliotecario lui, libraia lei: sono gli apripista di una mutazione genetica da cui si aspettano molto; e su cui investono molto. Nonno Microsoft e nonna Murdoch stanno a guardare irritati questi figli voraci che vogliono spartirsi l’eredità. Ma i capostipiti sono ancora capaci di generare, forse , qualche figlio della vecchiaia che faccia Bing. E sicuramente non si faranno spogliare senza qualche scapaccione legale. Né i nonni né i genitori sembrano consci del fatto che il nipotino e-book è geneticamente modificato e nessuno sa esattamente a cosa sia destinato.
Ma presto sarà guerra totale. Presto arriveranno le truppe di invasione. Armagheddon sta armando i propri bit, sta cercando di controllare le vie del web, cerca di imporre dazi sulle autostrade di Internet, inventa virus, ripropone antiche gabelle, alza barriere. La posta in gioco è il Diritto d’autore, il nemico da battere la gratuità. Il copyright è una invenzione giuridica recente, la gratuità una antica pretesa della Natura. Una domanda inespressa corre muta nel web: la cultura è una merce , un servizio o un bene comune, come l’aria o l’acqua? 
Anche l’acqua, lo sappiamo, può diventare un business, e in un mondo carente d’ossigeno non mi stupirei che apparissero presto anche i contatori d’aria, delle bombole a pagamento. Ma oggettivamente il problema esiste: come guadagnare commerciando l’immateriale? Come remunerare la creatività? Non si tratta di salvaguardare una normativa, ma di inventare un diverso modo di far fruttare la gratuità della rete; di far pagare un servizio multiforme che muta pelle a seconda dei devices cui è destinato. Per il momento, l’e-book non è ancora precettato, per ora lo tengono sotto tiro solo con la stupidità del new-age, con la voracità dei DRM. Il giovane e-book guarda con trepidazione al mondo della Scuola e alla galassia dei sistemi bibliotecari: ma i suoi potenziali alleati lo ricambiano ancora con sospetto. Lo temono. Temono la carica dirompente di un nuovo modo di concepire la didattica, di un modo virale di diffondere la cultura. Non aveva evidentemente fatto troppo male la prima bordata delle truppe d’assalto contro le Biblioteche, pretendendo da queste il pagamento di diritti sul prestito bibliotecario. Solo un’avvisaglia, attente a non tradire la carta! Non stupisce che ora Murdoch chieda i diritti a Google per indicizzare i contenuti delle sue news.
Ancora una volta prevarrà la notte della ragione come nella piovosa San Francisco di Blade Runner? “Ho visto cose che voi umani…”. Sarà una colomba che si libra nella pioggia, il finale, o una pagina di Moby Dick sfogliata sul Kindle  con l’immagine del capitano Achab trascinato sul fondo?
Si, la guerra scoppierà.
Ma chi vincerà è ancora incerto: per ora  sembrano avere la meglio le truppe dotate di hardwares proprietari potenti. Truppe corazzate.
Sembra davvero di essere tornati alla fine del ‘400 , quando le truppe portavano ancora le armature ma imbracciavano assieme alle balestre i primi archibugi. E il bravo Roberto Valturia repertori ave le invenzioni belliche che grazie alla polvere nera dei cinesi avrebbero rivoluzionato il modo di fare la guerra: le bombe a mano , i cannoni, le mitragliatrici…
Ma che strano, contemporaneamente, contestualmente, Gutenberg inventava i caratteri mobili e le nuove tecniche di stampa: un’arma infinitamente più potente per vincere le guerre!
Tomasi di Lampedusa ha avuto ragione una volta di più: occorreva che tutto cambiasse perché tutto restasse immutato, anche per la rivoluzione digitale (?).
Ma innanzi tutto: è una domanda o una affermazione? Diciamo così: fino a ieri il mercato ha sbeffeggiato i profeti di sventura che annunciavano la fine dell’la morte del libro cartaceo, o per meglio dire l’avvento ineluttabile del libro digitale (andate a rileggervi gli articoli di Geminello Alvi su Repubblica, l’apologia del paradisiaco giardino delle librerie, il buon odore della carta stampata, da un lato; e considerate dall’altro la creazione del latifondo distributivo delle librerie soviet-style di Romano Montroni , iniziato con Feltrinelli e proseguito con le Coop). Ieri? Le mie prime profezie risalgono ormai al secolo scorso (anni ‘90), ma il fuoco di sbarramento della filiera editoriale italiana contro il rischio dell’e-book dura letteralmente fino a pochi mesi fa.
Poi scoppia Kindle . E di colpo, dico proprio di colpo, dalla sera alla mattina, la spoletta Kindle sembra far partire la vocazione digitale dell’editoria italiana. Il Mulino annuncia in contropiede l’apertura del suo catalogo ai ricercatori, titolo splendido DARWINBOOKS, l’evoluzione del libro. Peccato che sia solo una furbesca trovata di marketing editoriale per vendere contenuti universitari a pagamento. Ben venga, comunque, rispetto a Bruno Editore (pardon www.autostima.net!) che annuncia di aver venduto il suo milionesimo e-book “per la formazione” dalla sua piattaforma : si tratta di un testo fondamentale, SessualMente, di Maria Rosa Greco Vivere Pienamente la Tua Vita Sessuale e il Rapporto con il Sesso, solo 29 € più Iva al 20% . Gli altri titoli “per la formazione” si chiamano Piacersi per piacere, Da timido a vincente, Fare soldi online in 7 giorni, a firma dello stesso editore che così guadagna anche come autore!, tutti rigorosamente a soli 29 euri più iva. Ma se voleste cose più importanti eccovi serviti: Investire in Aste Immobiliari, di tale Igino Di Pietra Tecniche e Strategie Pratiche per Guadagnare in Immobili con le Aste, vi costerà 47 € più iva, ma cosa volete che siano a fronte dei futuri guadagni! Giuro che do’ io 50 € all’acquirente di questo e-book se mi spiega cosa lo ha spinto a fare questo straordinario investimento Mobiliare (con la M rigorosamente maiuscola).
Morale: se avevate fatto il tifo per il digitale come potente zippatore di costi a beneficio del fruitore finale, avete dimostrato  tutta la vostra ingenuità!
Sciocchi! “Abbiamo azzerato  i costi della carta della stampa della legatura: restano solo i costi propri dello specifico editoriale!”: era questa la vostra omelia? Ciechi! Finalmente lo specifico editoriale riacquista il “valore” che meritava e che finalmente incasserà! Peccato che Vanna Marchi si sia trovata ad operare un pelino troppo in anticipo, avrebbe fatto una fine diversa…Dimenticavo: il “collega” Bruno è il primo editore italiano ad essere caricato e distribuito da Kindle. Non ha invece evidentemente capito la regola di cui sopra, l’amico Tombolini, che consente di mettere nel suo carrello della spesa un poutpourri di e-books “a gratis”, da Mompracem all’Orlando furioso, e solo una mezza dozzina a pagamento: non chiedete a me la sua logica editoriale!
Dopo (e onestamente anche prima di) Kindle, la cagnizza dei concorrenti:
Il Nook di Barnes & Noble, il BeBook di Samsung , i vari Sony, gli i-Rex, i Cybook di Booken, e ancora: pocket Book , Foxit e-Slik, iriver Story Ereader, Flatreader e chi più ne ha più ne metta , come fa, oltre la benemerita Book Farm di Tombolini, anche la Libreria Ledi di Via Alamanni a Milano (http://www.ebookreaders.it/?gclid=CPTQq82t0Z8CFQ8eZwod1ilmdg). Ma che strano: sul sito della stessa Libreria, in menu campeggia una terribile domanda : E I LIBRI? risposta: “Eh già ma dove si trovano i libri?? In italia l’offerta è ancora scarsa” . E puntualmente, nella lista, si trovano solo i link ad Apogeo, Franco Angeli, Mondadori e dulcis in fundo le famosissime Ledizioni. (Per forza l’offerta è scarsa: si erano dimenticati gli 800 e-book della Guaraldi! e gli altri 200 cataloghi che offrono e-books in uno qualsiasi dei 28 formati supportati dalle varie macchinette , oltre quelli “proprietari” (come il Kindle AZW e TOPAZ)…Ma il ragazzo di Ledi sembra sveglio, ed ha subito colmato la lacuna dopo la segnalazione!).
Già, i formati!
Txt, PDF, RTF, e-Pub, Lit, PPT, DOC, WOLF, CHM, FB2, PRC/MOBI, HTML, DJVU, MP3, TIFF, JPG, BMP, PNG, RAR, ZIP, BBeB, , Plucker, zTxt, TCR, OEB, un’orgia di sigle e di aspettative . La battaglia fra PAL e SECAM alla preistoria della TV fu roba da ridere in confronto… Perché questa proliferazione di formati proprietari legati alla “macchinetta”?
Tutto nasce, credo, dall’equivoco Kindle: un semplice terminale virtuale del negozio Amazon fra le mani del cliente finale. Una strada obbligata per Amazon, la più grande libreria al mondo, che nonostante una logistica praticamente perfetta nella gestione del cartaceo “non voleva diventare la “Kodak” del libro digitale” (l’espressione è di Diego Piacentini!) , anzi pretendeva di guidare l’evoluzione dell’e-book per evitare di rimanere indietro. Dopo aver sondato a lungo la strada del “Print on demand planetario” (vedi l’acquisizione di Book Surge), l’intuizione, come Colombo, che l’uovo bastava spiaccicarlo su un tablet , di fronte al suo cliente. E in tempo reale. Ma Kindle, ripeto, è un caso a se, come il Nook di Barnes & Noble, vero omologo di terminale di libreria. Io vorrei stare su Kindle o su Nook, esattamente come una volta volevo stare sui banconi della Feltrinelli….! Per Amazon, Kindle è nient’altro che l’equivalentre della tessera di fedeltà Feltrinelli: Presto lo regaleranno, con vendita del solo credito incorporato per l’acquisto libri…: che si ne frega dello standard? Più chiuso è meglio è…!
Per tutti gli altri e-Reader, invece, la partita è radicalmente diversa. Sono devices analoghi ai mille modelli di archivi digitali di files MP3 che spianarono il cammino ad i-Tunes. Per questi – e solo per questi – lo standard (l’MP3 del caso) sarà determinante.. Chi ha mai visto andare a fare acquisti da Feltrinelli con la tessera delle Dehonaiane?
Dove stava e dove sta allora l’errore? Semplice: nel non aver capito che ancora una volta il problema è “distributivo”, prima che produttivo! L’errore sta nell’aver pensato che avrebbe vinto il libro (digitale) non la Libreria (digitale); il contenuto , il digital book content, invece del suo contenitore (carta prima e macchinetta per leggere oggi); l’editore invece del distributore…Ma sarà poi vero? Senza Avatar le multisale vivrebbero bene lo stesso con mille Muccino? Senza Thomas Mann le librerie vivrebbero bene lo stesso con mille Bruno Vespa?
La rivincita del computer sull’e-ink.
Come in un thriller mozzafiato, la recentissima presentazione del i-Pad di Steve Jobs ribalta ancora una volta le carte in tavola e rilancia l’i-Phopne in versione e-book multifuzione, ma non multitasking : la sirena i-Pad , una meraviglia, gadgettisticamente parlando, l’ibrido per eccellenza. Costa poco, fa tutto, scarica qualsiasi cosa, televisione inclusa, da uno store che se fosse Google, ci sarebbe da svenire per sindrome di Sthendal …Ma:
E’ qui che rispunta il nodo della distribuzione.
Tentiamo di riepilogare:
• abbiamo dei “contenuti culturali” in cerca di canali di vendita (proviamo a chiamarli semplicemente “Libri”?)
• abbiamo delle “librerie planetarie” (Amazon, Barnes & Noble) con vetrine tentacolari e remote in forma di macchinette che chiamiamo è-Reader le quali reclamizzano il fatto di essere fatti di carta, sia pure elettronica; insomma, non “screen” retroilluminati;
• abbiamo dei “formati” con cui proporre i nostri contenuti ( il caro vecchio PDF! o il moderno XML? o il modernissimo e-Pub? O i vari formati proprietari dei vari Librai Planetari (come TOPAZ , un nome un programma!) e perché no, dei potenziali editori che volessero scendere nell’agone, come fece Mondadori-Microsoft con il .Lit
• abbiamo delle Biblioteche Planetarie come il pur ambiguo ma geniale Google Book Search, che consente di “cercare il libro e dentro il libro” fra fuori diritto , libri orfani ed editori consenzienti (me me)
• abbiamo persino delle nuovissime piattaforme di prestito bibliotecario “vero”, che pffer contenuti digitali interi e fruibili, come MediaLibrary online 
• E finalmente abbiamo persino dei nuovi Distributori di contenuti digitali, che si presentano come tali : “di-stri-bu-to-ri” , grazie alle piattaforme corazzate su cui qualcuno ha investito milioni di dollari, tipo www.zinio.com , che si propongono come nuovi “cambiavalute” planetari: vendono contenuti in qualsiasi formato destinatatrio (proprio come aveva previsto il vecchio Rodrigo Vergara con la sua Logos Library, teorico innamorato della parola – Logos!- e del nonno di tutti i formati, il txt …
“Tu pensa al contenuto, che al formato di destinazione ci pensiamo noi”: questo lo slogan inespresso di questa come di tutte le future piattaforme distributive.
Piccolo dettaglio: Zinio chiede il 50% del prezzo digitale di vendita che fissa l’editore, mica iol Libraio (come invece fa Amazon…) . Perchè abbasare i prezzi, cari colleghi? Anzi, è questo il momento di alzarli per salvaguardare il nostro “netto”. A’ la guerre comme à la guerre, che abbia ragione Bruno? Dopo la circumnavigazione della luna, siamo tornati alle Messaggerie Italiane
Ma visto che ho citato le Messaggerie, una domanda mi prude fastidiosamente dentro l’orecchio: come mai da qualche parte nel mondo, qualcuno investiva milioni di dollari per realizzare una piattaforma distributiva di contenuti digitali, quando dalle nostre parti i Padroni della Distribuzione sbeffeggiavano i profeti i sventura? Mauri, rispondimi, per favore!
Un ultimo pensierino prima di chiudere. Per il mondo bibliotecario.
Confesso di avere un debole per Google Book Search. Trovo che solo due veri geni potevano arricchirsi pensando di rimpiazzare i Bibliotecari di mezzo mondo. E non ho mai nascosto di ritenere che la salvezza (dell’Editoria) verrà dalla Biblioteca, unica “istituzione” di dimensione planetaria, ben più diffusa di Google, in Cina come a Busto Arsizio. Altro che catene Coop!
Dalle barricate di Pesaro, dove Coop sta aprendo il suo ennesimo gigantesco museo archeologico Montroni si guarda indietro e scopre improvvisamente che è rimasto solo, gli si sono rivoltati contro i suoi piccoli orfani in attesa di adozione, gli smunti e pallidi partigiani della cultura tradizionale e di nicchia in pura carta cellulosa, i famosi “piccoli librai indipendenti”… Siamo quasi al The day after.
Sarà la biblioteca la frontiera futura del libro in formato digitale. Il costo del prestito coinciderà col costo di vendita del file digitale, come per la musica: 30 centesimi a pezzo, per milioni di copie distribuite in almeno 100 lingue diverse…
Sì, la guerra è già scoppiata, il profeta avrà nuove visioni, le truppe si sposteranno per altre invasioni.    L’e-book diventerà grande. Quale sarà il suo volto ancora non sappiamo. Ma sappiamo per certo che tutti lo capiranno, non escluderà nessuno, parlerà mille lingue e anche i ciechi lo vedranno…
Non è forse questo il tema di questo Convegno? Non vorremmo tutti un “Nuovo Umanesimo” grazie a Internet, una “Cultura senza barriere”?

Posted in Cronache dal Far Web, Editoria Digitale, Eventi, Profezie | Tagged , , , , , , , | 1 Comment

One Response to Cultura senza barriere

  1. Pingback: Bibienne BlogBooks on the Net Currenti calamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *